ITINERARI ESCURSIONISTICI

Una passeggiata lungo i sentieri della riserva di Capo Rama

© Testo e foto di Vincenzo ANSELMO

Una volta imboccato il sentiero in Via Agli Androni, ci si trova subito immersi in una intrigata vegetazione formata da qualche ulivo e poi tanti fichidindia, ginestre, salsapariglia nostrana e specie diverse di asparagi che creano alte siepi ai bordi del sentiero. Superata, dopo circa 120 metri, una chiudenda improvvisata, si consiglia di fare una piccola deviazione a destra per godere di una piacevole panoramica sulla sottostante Cala Rossa.
Panoramica verso la costa nordest con un bel esemplare di palma nana Procedendo lungo la traccia principale, dove si incontrano alcuni esemplari di pomo di Sodoma, si costeggia l'area delle piscine interne al residence Cala Rossa, ben protetta dalla sguardo curioso da una rigogliosa vegetazione a macchia. Il sentiero poi gira a destra, formando un angolo retto, e subito raggiunge il ciglio della falesia dove, facendo un'altra piccola deviazione sulla destra, si ha modo di ammirare altre belle panoramiche verso la baia di Cala Rossa, l'isolotto che vi si staglia al centro e la costa in direzione nordest.
Il sentiero ora costeggia il ciglio della falesia, quindi procedere con estrema cautela, evitando assolutamente di sporgersi troppo e non lasciarsi tentare dall'idea di ricercare lo scatto sensazionale. Meglio portarsi a casa una foto normale e non correre nessun rischio.
Tratto del sentiero 3 che costeggia la falesia Qui la vegetazione inizia a diradarsi e si incontra la palma nana, la ginestra spinosa, l'asfodelo bianco, specie diverse di Opuntia e l'euforbia arborescente, pianta totalmente priva di foglie in estate e rigogliosa in inverno. Attratti dalle belle panoramiche che si aprono sul mare e dai colori, intensi, della vegetazione a macchia e cespugliosa, si raggiungono i primi cartelli informativi della riserva.



Subito dopo si lascia una labile traccia sulla sinistra, che si perde in un uliveto abbandonato, e si continua ancora per un po' lungo il ciglio della falesia, circondati da una vegetazione sempre più bassa e cespugliosa. Si inizia a girare a sinistra e allontanandosi dal mare si intravede, sullo sfondo, la torre di Capo Rama con, alle spalle, la costa della riserva dello Zingaro e la penisola di San Vito Lo Capo.
Qui il sentiero si fa largo e, bordeggiato da pietre, procede tra specie diverse di Opuntia e distese di fico degli ottentotti, dalle belle e vivaci fioriture. Lasciando, sulla destra, Punta Catalana, si procede distanti dal mare raggiungendo e aggirando una recinzione. Procede con cautela per alcune decine di metri perché si deve camminare su roccette.
Panoramica della vegetazione a macchia e sullo sfondo la torre di Capo Rama. Subito si riprende una larga pista che si segue per circa 200 metri raggiungendo la bella Cala Porro. Si lascia sulla sinistra la strada asfaltata e si procede a destra seguendo sempre la traccia sterrata.
Si superano, sulla destra, due villette abbandonate e semi dirute e si procede in direzione della torre, verso ovest. Un centinaio di metri dopo il sentiero inizia ad essere delimitato di nuovo da pietre e subito si incontra un bivio. Lasciata la diramazione sulla sinistra si procede a destra tra palme nane che si fanno sempre più numerose fino a formare un bel palmeto.
Raggiunto un ulteriore bivio si procede per poche decine di metri sulla destra raggiungendo la torre. Ammirata la torre e i bei panorami che la circondano si ritorna indietro fino al bivio e si gira a destra raggiungendo subito l'innesto del sentiero geologico, sulla destra. Si scende poco meno di 100 metri e sulla roccia si possono ammirare diversi fossili. Alcuni piccoli cartelli informativi aiutano, anche i meno esperti, ad identificarli tra le rocce.
Escursionisti lungo il sentiero di Capo Rama Ritornati sul sentiero principale si procede a destra raggiungendo una strada asfaltata che si segue per poche decine di metri. Presto si prende il sentiero sulla sinistra che procede in un'area aperta dominata, principalmente, da piante erbacee. Dopo un centinaio di metri si arriva al sentiero percorso all'andata. Girare a destra e ripercorrere, da qui in poi, il sentiero a ritroso, fino al punto di partenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luglio 2017





CONTENUTI CONSIGLIATI

COME RAGGIUNGERE LA RISERVA DI CAPO RAMA

Seguire l'autostrada A29 Palermo-Trapani e uscire allo svincolo di Terrasini. Raggiunto il centro abitato prendere la litoranea, che procede verso sudovest, e seguirla fino all'ingresso del Residence Cala Rossa. L'innesto del sentiero si trova circa 30 metri prima. Circa 50 metri dopo, invece, si trova un largo spiazzale dove poter posteggiare, facilmente, la macchina.

QUALCHE DRITTA

Il percorso, della lunghezza di circa 4,9 chilometri, considerando l'andata e il ritorno, non presenta particolari difficoltà ed è adatto a tutti. Di tanto in tanto è segnalato con cartelli della riserva. Bisogna solo stare molto attenti in quei tratti in cui il sentiero costeggia l'alta falesia, non protetta
Torre di Capo Rama.

QUANDO ANDARE

I periodi migliori per visitare la riserva di Capo Rama sono la primavera e l'autunno. Bella anche in inverno, mentre in estate sono da evitare le ore centrali del giorno perché il sentiero e troppo soleggiato. In questa stagione potrà essere piacevole effettuare una passeggiata nel tardo pomeriggio, quando si potrà godere anche di spettacolari tramonti.


EQUIPAGGIAMENTO

Anche se il percorso non presenta particolari difficoltà, si consiglia sempre di indossare un buon paio di scarpe da trekking. Inoltre è meglio vestire pantaloni lunghi per proteggere le gambe dalle spine che facilmente vengono rilasciate dalle numerose piante di opuntia, soprattutto nel tratto centrale. Portare anche un buon cappellino, per proteggersi dal sole, e della crema protettiva oltre naturalmente ad una borraccia con l'acqua.




DOVE SI TROVA LA RISERVA DI CAPO RAMA

Dove si trova la riserva di Capo Rama

PREVISIONI METEO - TERRASINI

CONTATTI UTILI

RISERVA NATURALE ORIENTATA CAPO RAMA
Via delle Rimembranze, 18 – Terrasini (PA)
Tel./fax 091 8685187
sito: www.riservawwwsicilia.it
email: wwfcaporama@libero.it

QUALCHE CONSIGLIO PER TROVARE E PRENOTARE L'ALLOGGIO

Booking.com

LA GUIDA ESCURSIONISTICA CHE VI AIUTA A SCOPRIRE LE MERAVIGLIE DEL PARCO DELLE MADONIE


Nella guida, ampiamente illustrata, troverete tutto quello che c'è da sapere per mettersi subito in cammino e scoprire i luoghi più affascinanti del Parco delle Madonie. Per saperne di più...